Essere genitori…una missione speciale!

Nell’esperienza quotidiana, e nell’attività di coaching incontro sempre più spesso genitori in difficoltà. Genitori in crisi nella gestione dei piccoli, dei più grandicelli…per non parlare degli adolescenti, nei confronti dei quali si percepisce quasi una resa. Le difficoltà sono le più disparate, dalla gestione delle regole, alla comunicazione, alle aspettative disattese ai conflitti con i genitori e tra fratelli… Ciò che mi ha fatto più riflettere non è tanto l’esistenza di difficoltà in questo ambito, ma la sensazione di impotenza, di pesantezza, di sacrificio che emerge dai vissuti dei genitori.

Credo che l’esperienza genitoriale sia, fantastica e nello stesso tempo complessa… è
come guardare attraverso un caleidoscopio di forme e colori che si trasforma continuamente…e da questo punto di vista diventa possibile vedere la meraviglia e la centralità di questo magico ruolo…

C’è bisogno di consapevolezza, di flessibilità, di chiarezza sul metodo educativo, di confronto e anche di leggerezza e gioia…

Credo che parlando di metodo educativo si può correre il rischio di estremizzare passando da un atteggiamento autoritario impostato sulla voce grossa e castighi ad uno permissivo che spesso è il risultato di chi ha subito il precedente.

Diciamocelo:entrambi non funzionano!

I tempi sono cambiati, i nostri cuccioli hanno stimoli differenti da quelli che noi conosciamo, noi siamo diversi. Credo sia fondamentale essere consapevoli della missione che abbiamo, della magia che avviene quando ci troviamo in braccio quell’esserino unico e irripetibile. E’ una fantastica occasione per conoscerci, per specchiarci, per metterci alla prova per scoprire ciò che di noi, solo loro possono far emergere. Una fantastica sfida per scoprire i talenti di questa creatura, lanciarla nel ciclo della vita e sentirsi artisti di un quadro che è dipinto a molte mani!

E’ un viaggio di crescita che si ripete da millenni del quale possiamo essere protagonisti o spettatori.

Parto dal presupposto che nessun genitore “nasce imparato”, credo che genitori si diventa con il confronto, mantenendo alto il livello formativo e informativo ma sopratutto imparando ad osservare ed ascoltare i nostri bimbi, che hanno più competenze di quelle che pensiamo.

clicca sul link: Non ci riuscirà mai se nessuno crede in lui!

Cari genitori credo che ci sia sempre più bisogno di avere le idee chiare rispetto ad un metodo educativo che per alcuni è da rispolverare, da rivedere mentre per altri è proprio da imparare.

La mia esperienza professionale e sopratutto personale, come mamma, mi ha condotto a sperimentare l’efficacia di un approccio educativo positivo, che propongo nelle sessioni di coaching individuale. Credo anche che la condivisione sia uno strumento strategico per far fronte al sentimento di solitudine che a volte permane.

E’ fondamentale porsi delle domande intelligenti e assumersi la responsabilità di questo ruolo nei confronti dell’evoluzione umana. Da tempo mi stò chiedendo che contributo posso portare per sbloccare la situazione…

Ho quindi pensato di approfondire, attraverso gli articoli del blog, degli aspetti pratici relativi all’educazione positiva e stò mettendo a punto i dettagli per un corso che chiamerò “Essere genitori allegra-Mente” e mi piacerebbe creare dei gruppi di scambio tra genitori.

Si, direi che qualche proposta che vada in senso contrario alla “cultura del lamento” ce l’ho! E se qualcuno ha qualche altra buona idea è ben accetta!

Cari genitori attrezziamoci per compiere questa missione speciale, al centro c’è il divenire dei nostri figli come persone in grado di essere felici…allora, forza, diamoci un’opportunità

Clicca sul link: avere l’opportunità…

 

Buona vita!
Lorena

 

 

4 pensieri su “Essere genitori…una missione speciale!

  1. Bello questo articolo!!! complimenti!!! hai centrato l’obbiettivo!!!!
    credo sia davvero come dici….hai fatto una fotografia del ruolo genitoriale molto realistica..”purtroppo”….
    ma la costa merevigliosa che è dai anche l’opportunità e la speranza di veder colmati quello smarrimento e quella solitudine in che spesso il genitore si trova a vivere!!! W la formula della cura per la “cultura del lamento” mi piace tanto….se posso rendermi utile sono qui 🙂 🙂 da mamma a mamma….sei una Grande!!!

    Lisa 🙂

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *